Scenderà le scale e non sarò pronto

L'ORSO SCRIVE  > rubrica del cuore >  Scenderà le scale e non sarò pronto
0 Comments

Parliamo del terribile momento in cui capisci che le figlie sono cresciute.

Hollywood ci ha bombardato con questa immagine del padre davanti all’ingresso, la ragazza che scende le scale con il vestito importante. E in quel momento il padre ha un mancamento e pure io che sto sul divano.

No, emozione troppo forte, so che succederà e mi devo preparare.

Che poi è il motivo per cui viviamo in un appartamento, così scale non ce ne sono e almeno riduco l’impatto scenico.

Solo che quel momento è già arrivato. Ed è successo in montagna, dove sennò. Ricordate in un precedente post, vi avevo parlato del fatto che noi bresciani millantiamo una tradizione sciistica d’eccezione, che siamo bravi solo noi.


Ecco, stavo al negozio sotto le piste, per noleggiare degli scarponi da sci per Caterina. Dico la taglia al commesso esperto, che pronto pronto va in magazzino a prendere il 35. Gli scarponi da bambini, per capirci, quelli che sembrano fatti per essere venduti al Toys Center, che ci mettono un paio di sistemi di chiusura, ma giusto per rappresentanza perché son fatti di mollica.

Li prova e niente, con ‘sto scarpone la Cate tocca in punta.

Proviamo una taglia in più.

Il commesso se ne va e torna con questo scarpone. Che è uno scarpone da donna, santocielo. Altro che Toys Center, questi li usano sulle stazioni spaziali. Quattro sistemi di chiusura che quando li chiudi fanno ta-tlack! e non ti mollano più.

Lo prova ma subito metto le mani avanti: «Io non so se va bene per la bambina.»

«No no, è il suo numero» dice questo sedicente commesso che avranno assunto giusto ieri.

«Controlli bene» gli faccio io.

«Papà, è giusto.»

Chiuso.

Ommioddio. La mia bimba ha gli scarponi da grande, ciò vuol dire che sta crescendo e ora MUOIO QUI.

Secondo voi cosa ho imparato?

1) i bresciani credono davvero troppo in ‘sta cosa dello sci

2) c’è chi ha la scarpetta, e chi lo scarpone

3) potevo vivere in una casa con le scale

4) ho superato il momento davvero critico e tutti quelli futuri saranno sicuramente inferiori


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.