Dopo questi begli articoli di vita vissuta, ovviamente arriva il momento peggiore: redigere la propria bio.

Per un attimo ho quasi pensato di schivare la pallottola e buttarne giù una fredda e anonima a mo’ di curriculum in agenzia di collocamento, tutta scritta in terza persona e dove cito pure l’esperienza da stagista alla fabbrica di cioccolato dello zio. E invece no, al diavolo. Sacra formalità, non mi avrai.

Dunque, che abito con tre donne penso si sia capito. Viviamo in un appartamento piccino picciò nella cittadina di Salò, sulle sponde del Lago di Garda. Quando arriva il fresco dell’autunno, i turisti scemano e il traffico torna a livelli accettabili, è il periodo in cui ci potete trovare a passeggio sul lungolago. Questo finché le bimbe non cresceranno e vorranno stare per conto loro. OMG.

Devo sempre avere qualcosa da leggere. Tipo che ogni volta che esco di casa porto con me un libro perché “non hai idea di quanti tempi morti ci sono nella giornata!” e “se rimani chiuso in ascensore / devi andare in posta / aspetti il carro attrezzi?!”

Va da sé che se dimentico di portarlo è la volta buona che do di matto. E finisce che ne compro uno al volo. Sia mai.

E infine, scrivo. Scrivere è diventato negli anni un piacere immenso e non posso più farne a meno. Ma tipo una roba potentissima. Che il solo fatto che tu mi stia leggendo, e capire d’essere riuscito a costruire tra noi due questo ponte emotivo (un ponteggio emotivo, se è qualcosa di più strutturato), mi fa sentire come il mago Walter, che quando il trucco gli riesce non pensa più a niente (e via di citazione).

Se vuoi leggere qualcos’altro di mio, ti rimando alla VETRINA AUTORE sul sito Minuti Contati.

PENNE ARRUFFATE!

Oh caspita, stavo dimenticando il nostro super canale YouTube dedicato alla scrittura e all’editoria! Sono entrambi argomenti che noi PENNE ARRUFFATE prendiamo molto a cuore, e cerchiamo di trattarli con tutta la scanzonata serietà che meritano…