Parliamo di auto, quindi ZITTO

L'ORSO SCRIVE  > rubrica del cuore >  Parliamo di auto, quindi ZITTO
0 Comments

Sull’argomento “auto” starei volentieri zitto. Solo che c’ho ‘sto problema, mi hanno detto che è una sindrome con un nome tutto suo, ma Google non mi ha aiuta perciò se voi lo sapete mi fate un piacere. Praticamente mi immagino sempre ci sia un pubblico a guardarmi, e cerco l’occasione per fare battute. E guardo in camera, tra l’altro.

«Papà, ma a chi stai sorridendo?»

«Zitta, non senti che è partito l’applauso.»

Solo che a volte la rischio, la rischio di brutto. Giusto ieri parlavo con Francesca della nostra vecchia Peugeot, detta Peggy. Che è passata dal meccanico per un check up (un grazie a mio papà che ce la porta ogni volta) e il referto mica era così bello. Oltre al consueto tagliando, c’erano il cuscinetto, l’altro cuscinetto, un sacco di roba.

Insomma un bel preventivo che passo dritto dritto a Francesca, la nostra addetta al bilancio domestico (motivo #1 per stare zitto) nonché (autoproclamatasi) pilota di famiglia (motivo #2).

Insomma la Peggy c’ha tredic’anni, ancora a diesel, che vogliamo fare? La aggiustiamo o la cambiamo?

«E poi i freni a disco son da sostituire» faccio io. «Il meccanico ha detto, o meglio mio papà ha detto che il meccanico ha detto, che col cambio automatico son più sollecitati.»

Francesca: «Vero.»

«Certo però» dico io, «che tu freni un sacco, eh.»

Mi scruta, gli occhi a fessura. «Tu questa cosa dovevi proprio dirla

«No, è che quando inchiodi mi vien da star male» ribatto. E strizzo l’occhio alla telecamera.

«Comunque questo non è il periodo per cambiare l’auto» fa lei. «Mercato fermo, l’elettrica è ancora roba da ricchi. E poi la nostra auto farà ancora 100mila chilometri.»

«Lo dice anche il meccanico» dico io, che potevo star zitto.

Ancora gli occhi a fessura. «Perché, se te lo dico io non ti fidi?»

Sguardo in camera. «No, è che il meccanico agli incroci frena a piano

Cos’è successo dopo?

a. francesca ha lasciato la casa

b. io ho lasciato la casa

c. stasera dormo nella Peggy


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.